Epidemia di morbillo: come proteggersi dai casi di morbillo

A cura di: Women's Care Florida Staff

Il morbillo è causato da un virus altamente contagioso trasmesso attraverso le particelle respiratorie attraverso la tosse e gli starnuti. Le goccioline lasciate dopo un colpo di tosse o uno starnuto possono infettare qualcuno fino a due ore dopo che la persona infetta lascia la stanza. I sintomi generalmente iniziano da sette a 14 giorni dopo l'esposizione. Recentemente, negli Stati Uniti si è verificata un'epidemia di morbillo a causa di persone non vaccinate che l'hanno contratta. Impara a proteggerti dai casi di morbillo.

Perché parliamo di morbillo adesso?

Gli Stati Uniti hanno considerato i casi di morbillo eliminati dal 2000, ma continuiamo a vedere un'epidemia di morbillo ogni anno. Tuttavia, non si sono verificate infezioni negli Stati Uniti. Praticamente tutti i casi segnalati negli Stati Uniti negli ultimi 20 anni si sono verificati in visitatori stranieri o americani che hanno contratto la malattia durante una visita in un paese straniero. Quasi tutti i casi di morbillo sono stati da individui non vaccinati.

All'inizio di maggio 2019, più di 800 casi di morbillo sono stati identificati negli Stati Uniti in 23 stati, il numero più alto di casi in un solo anno dal 1994. Alcune delle aree di epidemia di morbillo più colpite hanno un turismo internazionale significativo, incluso in il nordest e lungo la costa occidentale. La Florida ha quattro contee ad alto rischio: Broward, Miami-Dade, Orange e Hillsborough.

Quali sono i sintomi del morbillo?

Il morbillo è meglio conosciuto per un'eruzione cutanea a macchie rosse che inizia alla testa. Si fa strada lungo il busto e poi verso le braccia e le gambe. Le persone infette possono diffondere il morbillo quattro giorni prima della comparsa dell'eruzione cutanea e fino a quattro giorni dopo la comparsa dell'eruzione cutanea. Altri sintomi includono febbre alta, tosse, naso che cola e occhi rossi e acquosi. Questi sintomi possono progredire e portare a polmonite (uno su 20 casi), un'infezione cerebrale chiamata encefalite (uno su 1,000 casi) o sordità (rara). Le persone con un sistema immunitario compromesso hanno un rischio molto più elevato di complicanze. Questi includono quelli in dialisi o in chemioterapia poiché il loro sistema immunitario debole non può combattere bene l'infezione.

L'infezione può avere effetti devastanti su bambini e donne in gravidanza. Il morbillo può portare alla morte in circa 1-2 bambini con infezione su 1,000. Le donne incinte possono avere un aborto spontaneo, un nato morto o un parto pretermine. Inoltre, possono partorire neonati con peso alla nascita particolarmente basso.

Nel complesso, fino a una persona su quattro con il morbillo può ammalarsi abbastanza da richiedere il ricovero in ospedale. Le donne incinte con il morbillo hanno maggiori probabilità di aver bisogno di ricovero rispetto ad altri settori della popolazione.

Come proteggersi dal morbillo

Possiamo prevenire la contrazione del morbillo con il Vaccino MMR. Questo vaccino può anche combattere la parotite e la rosolia prima dell'esposizione. Anche, un vaccino chiamato MMRV aggiunge protezione contro la varicella o la varicella. A causa dell'elevata contrattilità del morbillo, una persona esposta e non vaccinata può facilmente contattare la malattia.

Inoltre, non esistono antibiotici per aiutare il morbillo a rendere il vaccino particolarmente importante. Il trattamento include cure di supporto, come riposo e liquidi per le persone infette che possono gestire a casa. Alcune persone che si ammalano gravemente possono richiedere fluidi IV e persino ventilatori.

Quando dovrei vaccinare?

I bambini devono essere vaccinati due volte iniziando con la prima dose all'età di 12-15 mesi e la seconda dose all'età di 4-6 anni. Se si prevede di viaggiare all'estero con un bambino di età inferiore a un anno, il CDC raccomanda una singola dose MMR per i bambini di età compresa tra sei e 11 mesi. I bambini di età inferiore a sei mesi generalmente non sono vaccinati e possono ottenere il beneficio degli anticorpi della madre che circolavano nel suo sistema mentre era incinta del bambino, a condizione che la madre fosse vaccinata prima della gravidanza. Prestare molta attenzione quando si viaggia con un bambino non vaccinato in aree in cui sono stati segnalati casi di morbillo. Due dosi di vaccino forniscono un tasso di protezione del 97% contro un'epidemia di morbillo.

Cosa posso fare se non sono sicuro di essere vaccinato?

Se sei nato prima del 1957, non hai bisogno di essere vaccinato. Il morbillo era così diffuso in quel periodo di tempo che è estremamente probabile che tu ne sia immune. Il vaccino contro il morbillo è diventato disponibile per la prima volta nel 1963. Se sei nato dopo il 1957 e non sei sicuro di essere stato vaccinato, un semplice esame del sangue può dirti se hai l'immunità. Se non sei immune e sei in età universitaria, si consiglia il ciclo di vaccinazioni a due dosi. Le due dosi dovrebbero essere separate da almeno un mese. Se hai tra i 20 ei 60 anni, la tua immunità potrebbe essere diminuita e dovresti prendere in considerazione l'analisi del sangue o una singola dose di richiamo di MMR. Gli operatori sanitari dovrebbero considerare l'intero ciclo di trattamento a due dosi se non sono immuni da un esame del sangue.

Le donne incinte possono essere vaccinate?

Gli esperti considerano l'MMR un vaccino vivo. Ciò significa che rappresenta una dose diluita di un vaccino vivo. Per questo motivo, i medici non consigliano un dosaggio durante la gravidanza. Esistono segnalazioni di donne che hanno ricevuto il vaccino per sbaglio durante la gravidanza in cui non sono state segnalate segnalazioni di esiti negativi per la madre o il bambino.

Tuttavia, se hai intenzione di rimanere incinta, sottoporti a un esame del sangue per l'immunità del morbillo prima del concepimento. Se non sei immune, puoi ottenere il vaccino MMR. Inoltre, pensa di aspettare almeno quattro settimane dopo la vaccinazione prima di provare a concepire. Durante la gravidanza, se ricevi un test senza immunità, fatti vaccinare dopo il parto. Puoi ancora allattare dopo il vaccino.

Contrarre il morbillo durante la gravidanza

Se una donna incinta contrae il morbillo o sospetta di non avere immunità, dovrebbe consultare il suo fornitore per cure mediche specialistiche. L'immunoglobulina contro il morbillo può essere somministrata per via endovenosa entro sei giorni dall'esposizione per ridurre il rischio di infezione. Se hai ulteriori domande sul vaccino MMR, essere sicuri di chiedi al tuo fornitore di Women's Care Florida.

Lascia un Commento

[Disabilitato]
[Disabilitato]